Location Outstanding per un Cohousing?



Creare il gruppo interessato e affiatato per andare a vivere assieme è la prima cosa da fare. Per fare questo è necessario capire oltre ai sentimenti e le intenzioni del gruppo, condividere quale modello di comunità ci interessa sviluppare, dove ci piacerebbe localizzarci, esporre le proprie intenzioni e i concetti che permettono agli altri di conoscerci, le proprie qualità e competenze e soprattutto quello che ci piace fare e a cosa saremmo disposti per raggiungere questo obiettivo. Indispensabile poi comprendere se queste esternazioni condivise e circostanziate siano capaci di produrre un reddito che ci permetta di vivere nella location scelta in armonia con la natura e con chi collabora e vivrà al nostro fianco. Questo è l'obiettivo di MyA Cohousing, diventare un catalizzatore di progetti di vita auto sostenibile che si possano realizzare attraverso un progetto partecipato. Se abbiamo intrapreso il percorso di conoscenza prima di trovare la location e abbiamo già individuato il nostro modello di vita saremo pronti quando ci si proporrà una occasione abitativa. Nella economia capitalistica il progetto di vita si chiama business plan. Nella nostra visione la pianificazione è molto più importante poiché cerca di valutare il benessere che creeremo per gli abitanti del cohousing, per chi graviterà attorno ad esso e per definire le ricchezze che potremo condividere con gli altri e quindi generare benessere per tutti all'interno di un percorso circolare. La creatività non ha limiti e pensare senza vincoli è fondamentale per trovare l'ispirazione e stimolare la ricerca, producendo benessere istantaneo. Questo che potete andare a visitare virtualmente cliccando sia sull'immagine in testa all'articolo, sia guardando il filmato qui sotto è il nucleo di una antica fattoria nobiliare in Calabria nella Sibaritide attualmente in vendita. Non fossilizzatevi sulla presentazione delle potenzialità progettuali che il filmato propone perché questi edifici sono di fatto un foglio bianco su cui scrivere qualsiasi progetto da collegare alle esigenze di chi lo andrà ad abitare. Non pensiamo nemmeno a quanto ci potrebbe costare restaurarlo; se vi dicessi che come è potrebbe costare 9 milioni di euro riattivare la struttura incluso l'acquisto potreste subito pensare:

"E come possiamo fare ad averlo senza indebitarci?"


Questo si chiama preoccuparsi! OCCUPARCI invece è il nostro mantra! Se agiamo come suggerito all'inizio del post, e abbiamo un team di una quarantina di persone che hanno individuato quel che amerebbero fare, sono affiatati, hanno dei progetti di vita che hanno valutato attentamente e hanno individuato quel che possono "rendere" le loro attività preferite e la location piace e il progetto, conti alla mano risulta sostenibile anche in considerazione del capitale che il gruppo può investire direttamente, il gioco è fatto e si può valutare l'opzione e realizzare il sogno. Certo bisogna prepararci, studiare, confrontarsi e cogliere le occasioni che pian piano si manifestano e procedere per piccoli passi, godendo sempre di quel che è possibile fare nell'adesso, perché comunque il processo deve essere un susseguirsi di fasi sempre positive senza lo stress di un punto finale che può sembrare irraggiungibile. Questa è la via del successo, voltandosi indietro dobbiamo sempre vederci felici. Non importa avere denaro e aver faticato un mondo per ottenerlo perchè la vera felicità è nel mantenersi in questo stato non nell'essere infelici per raggiungerla. Come raggiungere l'obiettivo? Pianifichiamo le attività: Scuola di musica, attività olistiche, giardinaggio e coltivazioni, corsi di cucina, accoglienza per le vacanze in un ambiente accogliente dove si respira la comunità? Mischiamo le competenze e capiamo cosa frutta questo lavoro armonico, come realizzarlo, cosa serve al gruppo di base per essere felice. Dobbiamo coprire alcuni bisogni essenziali tra cui la casa. quanto ci potrebbe costare l'affitto di una tale proprietà? Potrebbe essere con i conti fatti prima circa 300 euro al mese a testa. E' un qualcosa di sostenibile con gli introiti del gruppo? E questo senza aver messo un euro per ristrutturarla o acquistarla. Vi pare equo destinare 4000 euro all'anno per vivere in una casa con tutti i comfort dove si può fare i lavoro che ci piace e quindi guadagnare questi soldi? E se ci autoproduciamo il cibo quanto ancora dobbiamo metterci sopra al montante; e se per caso abbiamo comprato una quota della casa per esempio la comunità è riuscita ad acquistare 400.000 euro dell'immobile significa che invece di pagare 12 mensilità di "affitto" ne pagheremo solo 11 ognuno avrà risparmiato una mensilità. I numeri grandi mettono paura ma la comunità ha la forza di moltiplicare le potenzialità e donare felicità.


Quindi non indugiamo oltre e pianifichiamo il nostro futuro divertendoci nel presente per esprimere quel che ci piacerebbe fare e poi metterlo in pratica. MyA Cohousing è un palestra di comunità che ti mette a disposizione le scelte più adatte per aumentare le tue possibilità di vivere felice. Sta a te capire quali scelte intraprendere e se è il caso di gettare il cuore oltre gli ostacoli o rimanere a preoccuparti delle cose o invece occupartene!

Non sei ancora iscritto a MyA Cohousing? Allora è il momento di farlo adesso! Vuoi capire come puoi implementare il tuo capitale e ottenere entrate automatiche per i tuoi progetti di comunità quando ancora stai progettandola? Allora partecipa alla presentazione che ti spiega come fare, decidi tu quando!



96 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti